Più che una buonuscita è un derby. Il secondo della stagione, dopo la sconfitta rossonera di metà settembre. E il Milan, ancora in crisi, si è rivolto proprio all’Inter per cercare di risollevarsi. Maldini e Boban hanno contattato Spalletti per subentrare a Giampaolo in panchina. L’ex interista, affamato di rivincita, si è detto disponibile. Ma prima andava risolto il contratto in essere con l’Inter e lì sono iniziati i problemi: Luciano chiedeva un’intera annualità, l’a.d. Marotta non voleva assolutamente spingersi a tanto. L’Inter vuole risparmiare tagliando il contratto dell’ex tecnico (staff e remi compresi) e non intende soddisfarne le richieste per mandarlo ad allenare altrove. Al Milan per giunta, che con lui potrebbe rivelarsi una candidata nuovamente forte per la Champions.

L’alternativa rossonera è Stefano Pioli che nelle ultime ore è già stato contattato dalla dirigenza rossonera e non sembrano esserci problemi di nessun tipo per l’eventuale chiusura positiva dell’accordo. In giornata il faccia a faccia tra il club e il tecnico parmigiano, ultima esperienza in A con la Fiorentina, per chiudere la vicenda. In un modo o nell’altro, comunque, il Milan entro la mezzanotte avrà il suo nuovo allenatore.