Non solo grandi acquisti , ma anche grandi plusvaenze ! Potrebbe essere sintetizzato così il calciomercato del Napoli , che nel corso dell’era targata Aurelio De Laurentiis , è ritornato ai grandi livelli sia in Italia che in Europa . Il patron azzurro è riuscito in ogni stagione a “bilanciare ” acquisti di spessore con cessioni illustri , tenendo però sempre ai vertici il club azzurro , ritornato a splendere anche in Europa , conquistando il maniera continua la qualificazione alle coppe europee ed in particolare alla Champions League . Ma quali sono state le più grandi plusvalenze dell’era De Laurentiis?

Ultima grande cessione risulta quella di Duvan Zapata : l’attaccante colombiano è infatti passato alla Sampdoria ( nella trattativa che comprende anche Ivan Strinic) per una cifra intorno ai 20 milioni . Il capolavoro Zapata non è l’unico messo a segno negli ultimi anni dalla società azzurra. Sono 5 le plusvalenze che hanno consentito al Napoli di poter investire un maggior quantitativo di denaro. La più importante è quella della scorsa stagione che riguarda Gonzalo Higuain , che nell’ultima stagione azzurra ha siglato ben 36 reti , frantumando tutti i record della Serie A . La cessione record a 90 milioni del “Pipita “, arrivato dal Real Madrid per una cifra intorno ai 40 milioni , ha portato ben 50 milioni di utile. E’ in assoluto l’operazione più redditizia della storia del club. Non meno trascurabile è stata la cessione di Cavani avvenuta nel 2013. Acquistato dal Palermo per 17,5 milioni, “El Matador ” passò al Paris Saint Germain per la cifra di 64,5 milioni di euro. In questo caso l’introito sfiora i 50 milioni. Un anno prima ancora toccò all’argentino Lavezzi salutare Napoli. Pagato 5,6 milioni di euro , anche il “Pocho” fu ceduto al Paris Saint Germain per 29 milioni di euro. Tra queste grandi cessioni , si inserisce anche quella di Manolo Gabbiadini acquistato dal Napoli per 13 milioni di euro. Ceduto in Inghilterra per ben 17 milioni di euro.